Martedì, 29 Marzo 2022 01:28

GIORNATE FAI: IN BASILICATA ANCHE LA MADONNA DELLA BRUNA

Alcune decine di monumenti e aree verdi della Basilicata hanno fattoo parte degli oltre 700 – “solitamente inaccessibili o poco conosciuti in 400 città” – che sono stati aperti in tutta Italia sabato 26 e domenica 27 marzo...

...in occasione della 30/a edizione della “Giornate Fai di primavera”. Lo ha annunciato lo stesso Fondo per l’ambiente italiano, sul cui sito è stato possibile trovare l’elenco completo dei luoghi aperti al pubblico e gli orari e le modalità di accesso. Tra i luoghi aperti in Basilicata vi sono stati il villaggio neolitico di Murgia Timone, il Conservatorio “Duni” e la mostra “Progetto Genesi” di Palazzo Lanfranchi, a Matera; il tempi di Hera di Bernalda, il santuario di Santa Maria d’Anglona di Tursi, il bosco Faggeto di Moliterno, il Parco storico della Grancia di Brindisi di Montagna, il museo internazionale del presepio “Vanni Scheiwiller” di Castronuovo Sant’Andrea, i Frantoi di Montemurro, il complesso monumentale Sant’Antonio di Rivello e il cosiddetto “Riparo Ranaldi” della riserva antropologica “I Pisconi” di Filiano.
Anche l’Associazione Maria SS. della Bruna alle Giornate Fai di primavera del 26 e 27 marzo. Alla comunità è stata offerta la possibilità di vivere uno dei momenti più suggestivi del 2 luglio, da sempre eseguito a porte chiuse: la vestizione della statua della Madonna. Un rito che TRM Network ha avuto la possibilità di seguire nel lontano 2014. 

Letto 171 volte

Video