ESTATE E DROGA (da Trm)
Mercoledì 16 Agosto 2017
DEDICATO AI PRIGIONIERI POLITICI (da Trm)
Mercoledì 16 Agosto 2017
 
TAMBURI DI PACE (da TrmArt)
Mercoledì 16 Agosto 2017
 
NEWSLETTER
Desideri ricevere la newsletter del Pomeridiano? Inserisci qui le tue informazioni.


In qualsiasi momento potrai cancellare la registrazione direttamente attraverso il messaggio della newsletter.

IL COVA DI VIGGIANO E' PERICOLOSO?
Mercoledì 16 Agosto 2017
Riceviamo e pubblichiano una counicazione dell'eurodeputato Piernicola Pedicini, del M5S .  "Abbiamo aspettato parecchi anni ma è accaduto. Anche l'Eni ha finalmente ammesso che il Cova di Viggiano può provocare danni alla salute e all'ambiente.  Non sappiamo se si sia trattato di un errore di comunicazione o di una scelta, ma la notizia diffusa tre giorni fa, in cui l'Eni ha affermato che...
IL FERRAGOSTO DI UNA VOLTA (repetita iuvant)...
Martedì 15 Agosto 2017
Ora è tutto cambiato ma, prima, il Ferragosto (le feriae Augustales) richiedeva un impegno non da poco da parte delle famiglie lucane e materane in particolare. Va detto, intanto, che negli anni Settanta il concetto di ferie si era appena consolidato. Poche famiglie (e le più abbienti) si permettevano la villeggiatura, con tanto di villa in fitto o di proprietà in quel di Metaponto o, al più, di Castellaneta marina.
DON MILANI E
Mercoledì 16 Agosto 2017
Riceviamo e pubblichiano un ricordo di Don Lorenzo Milani, nel 50mo della sua morte, scritto dall'amico Franco Vespe. “I Care”, era il motto che don Milani aveva fatto scrivere a caratteri cubitali nella sua scuola di Barbiana. La traduzione in Italiano può avere molteplici espressioni, più o meno prolisse. La sua traduzione più immediata è: “Mi interessa”, o, se vogliamo la più passionale che più piaceva a don Milani “ Io ho a cuore”. Quest’anno ricorre il 50 anniversario della morte del sacerdote di Barbiana. Morte avvenuta prematuramente per una malattia terribile che lo ha spento a 44 anni. Ma torniamo al nostro motto.
AD ABRIOLA SAN ROCCO E SAN VALENTINO
Mercoledì 16 Agosto 2017
Nel giorno dedicato alla festa di San Rocco ad Abriola sarà festa in onore di San Valentino. L’evento verrà riproposto dal Comune di Abriola, dalla Pro Loco e dall’Apt di Basilicata mercoledì 16 agosto a partire dalla mattinata. La festa di San Valentino, viene celebrata nel centro lucano il 14 febbraio e in virtù della presenza di tanti turisti e abriolani residenti al nord Italia viene riproposta anche d’estate con il dichiarato intento di condividere un momento di partecipazione e fede.
MELFI: FCA CON GLI OCCHI A MANDORLA?
Mercoledì 16 Agosto 2017
Le “voci” sull’interessamento di gruppi industriali cinesi per FCA – sia pure ancora non chiare – ci preoccupano. Dietro i nostri timori non c’è solo la difesa dei posti di lavoro a Melfi, in una fase delicata segnata dal ricorso nelle prossime settimane ad nuovo ciclo di cig, ma anche e soprattutto l’orgoglio di conservare un marchio strategico e storico dell’industria automobilistica, un orgoglio che è nel dna dei lavoratori di Melfi che hanno fatto la storia e la fortuna di vendite di Fca.
MATERA VIA ROMA: DA SETTEMBRE TORNA LA ZTL
Mercoledì 16 Agosto 2017
Traffico automobilistico ridotto, mobilità adeguata per cittadini e visitatori della città e rispetto dei parametri europei per fare in modo che Matera rappresenti al meglio il suo ruolo verso il 2019. Questi alcuni degli elementi che sono alla base del progetto complessivo dell’amministrazione comunale di Matera, a cui si aggiunge un importante tassello con la riattivazione, dall’1 settembre, del varco ztl di via Roma.
A MIGLIONICO SI RIPETE LA CONGIURA DEI BARONI
Mercoledì 16 Agosto 2017
Ancora prima che si parlasse di Dossier della capitale Euoropea della Cultura, c’erano luoghi in Basilicata che avevano già intuito quanto la cultura e la storia, potessero essere un volano di sviluppo per il territorio. E’ l’esempio di Miglionico, cittadina della provincia di Matera. Nel settembre del 1485, Re Ferrante I d’Aragona venne invitato nelle stanze del Castello di Miglionico,per accettare la pace posta sul tavolo dai baroni del Sud Italia dopo che lo stesso Re aveva iniziato una fase di ammodernamento del regno di Napoli che non prevedeva più il potere baronale bensì la nuova classe dirigente emergente, ovvero la borghesia loricata. Il Re accettò la pace, sapendo che i Baroni avevano già programmato la sua morte se non avesse firmato quella sera a Miglionico. In seguito il Re decise di invitare tutti i baroni traditori per il matrimonio di sua nipote a Napoli, dopo averli processati, di ucciderli uno a uno.