Giovedì, 05 Novembre 2020 17:00

ABUSO D'UFFICIO: INDAGATO UN CONSIGLIERE REGIONALE LUCANO

Abuso d’ufficio in concorso, aggravato dal metodo mafioso: è l’accusa rivolta al consigliere regionale lucano per la Lega, Pasquale Cariello.

Nei giorni scorsi, lo stesso consigliere ha comunicato di essere stato sottoposto a perquisizione della sua abitazione a Scanzano. Si è detto sereno e fiducioso nell’operato dei magistrati. Le indagini fanno riferimento a una vicenda del 2018, quando Cariello era consigliere comunale a Scanzano Jonico. La procura antimafia sta indagando su un concerto neomelodico del cantante siciliano Daniele De Martino, durante il quale, sostiene la procura, si sarebbero elogiate le gesta di un clan mafioso radicato nella città. La stessa inchiesta ha portato allo scioglimento del consiglio comunale di Scanzano per infiltrazioni mafiose. La ministra dell’interno, Luciana Lamorgese, dichiarò che il concerto, a cui erano presenti, oltre 6mila persone si sarebbe svolto senza autorizzazioni e rispetto delle norme di sicurezza con chiare finalità elogiative del mondo criminale. Le accuse furono da subito respinte dall’allora sindaco Raffaello Ripoli che ha impugnato il provvedimento di scioglimento al Tar. Cariello ha chiesto di essere sentito dal giudice per portare qualsiasi ulteriore chiarimento in merito ai fatti contestati. Il gruppo consigliare Lega Matera ha espresso intanto piena solidarietà e vicinanza al consigliere certi – ha commentato il consigliere comunale di Matera Lisurici- della sua estraneità ai fatti (da trmtv.it-Saverio Carlucci).

Letto 9 volte