Venerdì, 03 Maggio 2019 03:25

“LA NUOVA GIUNTA REGIONALE CI ASCOLTI”

 Un grande centro, con una grande area industriale, in bilico tra lavoro e ambiente, tra giovani che vanno via per mancanza di lavoro e altri che resistono. Ferrandina è stata una piccola Basilicata, almeno per il Primo Maggio...

... dove si sono concentrati tantissimi lavoratori e lavoratrici da tutta la Regione per la festa dedicata a loro; ma non solo a loro, anche a coloro che il lavoro lo hanno perso o che lo stanno cercando, come ha detto lo stesso Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Le tre principali sigle sindacali, CGIL CISL e UIL, insieme, per lanciare un messaggio verso la nuova giunta regionale per fare in modo che vengano accolte le loro richieste e si apra un tavolo di concertazione tra le parti sociali e il mondo politico. Richiamare quindi l’attenzione su quei temi che da anni e anni non riescono ad essere risolti o quanto meno, non riescono ad essere il volano di sviluppo della Regione Basilicata. Un Regione che ha 72mila disoccupati e quasi una dozzina di vertenze aperte al Mise, dove i giovani scappano e invertire la rotta sembra impossibile. La ricetta non è facile, ma le sigle sindacali, vogliono ripartire da una politica che possa equilibrare industria e ambiente, e punti alle infrastrutture, sia materiali ma sopratutto immateriali, rilanciando il vero valore aggiunto della Basilicata, ovvero il capitale umano.

Letto 17 volte