Martedì, 12 Marzo 2019 10:33

UN PERICOLO INCOMBENTE

Un pericolo incombente minaccia l'Ucraina. Tranquilli, non si tratta di uranio impoverito (o arricchito, dipende dal commercio) o da dosi massicce di tallio versate proditoriamente nell'acqua di quella nazione. Il pericolo si chiama Albano Carrisi.

Si, avete letto bene: Carrisi, in arte Albano, produttore inarrestabile, purtroppo, di acuti dalla sua ugola d'acciaio e, per fortuna, di ottimi vini. Non lo diciamo noi. Lo dicono loro, gli ucraini, che lo hanno inserito nella loro lista nera. Ecco la notizia dettagliata. "Il ministero della Cultura ucraino ha inserito anche il cantante Albano Carrisi (Al Bano) nella lista di coloro che considera una minaccia alla sicurezza nazionale. La lista nera è compilata e aggiornata dal ministero della Cultura in base alle richieste del Consiglio di Sicurezza e Difesa nazionale dell’Ucraina, dei servizi di sicurezza ucraini e del Consiglio della Tv e Radio nazionali. Nella black list ci sono ora 147 persone. Lo riferisce l’agenzia Interfax. “Non ho mai detto una parola contro l’Ucraina – ha racconta su La Repubblica il cantante . Mai fatto neanche un apprezzamento. E’ inaccettabile che proprio io che canto da sempre la pace ora venga trattato come un terrorista. Non ho mai posseduto armi, neanche quelle mentali”: ha commentato Al Bano. “Chiamerò subito l’ambasciatore e quindi il ministero della Cultura ucraina. Voglio capire come il mio nome sia finito nella lista. Al Bano precisa sempre su La Repubblica: “Se Putin è bravo io lo dico. Non c’è un’amicizia, ma una semplice conoscenza, favorita anche dal fatto che lui è presidente onorario della Federazione internazionale dello judo e io ne sono ambasciatore nel mondo. Ho cantato per lui ma anche per tanti altri capi di Stato e pure per Giovanni Paolo II. Sono un uomo di pace e non di guerra”.

Letto 9 volte