Martedì, 22 Luglio 2008 00:00

L'ACQUEDOTTO CHE FA ACQUA

"Si informa che la sostituzione del tratto di condotta pensile interessato dal guasto sarà completata entro le ore 13:00 di oggi, 22.07.08; le successive operazioni di riempimento e di lavaggio della condotta, nonché il parziale ripristino delle riserve idriche, impegneranno il pomeriggio e la serata di oggi 22 luglio 2008 per cui il ripristino dell'erogazione idrica potrà essere garantito dalla prima mattinata di domani 23 luglio 2008. Per limitare i disagi continuerà ad essere garantito il servizio sostitutivo con autobotti presso: Piazza Matteotti, Piazza Marzabotto (Rione Pini), Chiesa Piccianello, Serra Venerdì. Lo rende noto Acquedotto lucano". Fin qui il testo del comunicato stampa di Acquedotto Lucano...

L'ACQUEDOTTO CHE FA ACQUA

"Si informa che la sostituzione del tratto di condotta pensile interessato dal guasto sarà completata entro le ore 13:00 di oggi, 22.07.08; le successive operazioni di riempimento e di lavaggio della condotta, nonché il parziale ripristino delle riserve idriche, impegneranno il pomeriggio e la serata di oggi 22 luglio 2008 per cui il ripristino dell'erogazione idrica potrà essere garantito dalla prima mattinata di domani 23 luglio 2008.
Per limitare i disagi continuerà ad essere garantito il servizio sostitutivo con autobotti presso: Piazza Matteotti, Piazza Marzabotto (Rione Pini), Chiesa Piccianello, Serra Venerdì. Lo rende noto Acquedotto lucano". Fin qui il testo del comunicato stampa di Acquedotto Lucano, che solo oggi si è peritato di far sapere agli organi di informazione e ai cittadini la notizia, certo non bella, certo non comoda, della sospensione dell'eorgazione idrica nella città di Matera. Per la verità, nel pomeriggio di ieri una prima nota era stata pubblicata da Basilicatanet, ma l'acqua era già scomparsa e i cittadini pribi del provvidenziale serbatoio di riserva, non hanno potuto riempire neanche la vasca da bagno, utile alternativa al rubinetto a secco. Certo, si è trattata di una situazione d'urgenza e forse l'Acquedotto Lucano ha pensato prima alle riparazioni e poi a far sapere del guasto. Quello che ci meraviglia è che quell'ente, sin dalla nasciata e dalla prima presidenza, si è immediatamente dotato di una struttura di stampa e di comunicazione che, tra l'altro, in passato ha dato prova di funzionare. Ci tocca constatare che oggi, nella costellazione dei servizi più o meno celeri offerti al contribuente, la comunicazione dell'Acquedotto Lucano, ahinoi, ha fatto acqua...

Letto 357 volte