ENIT: SONO LUCANI I MIGLIORI RISTORANTI

Il turista bisogna prenderlo per la gola. E l’Italia si sa, è il paese dell’arte e del buon cibo. Da una ricerca dell’Enit Agenzia Nazionale del Turismo, l’enogastronomia è una motivazione di viaggio fondamentale per i turisti che scelgono l’Italia come destinazione per le loro vacanze. Non a caso, durante il Word Travel Market di Londra,il più importante evento per l’industria turistica a livello globale... ...il Ministro per i beni e le attività culturali Dario Franceschini ha dichiarato che il 2018 sarà l’anno del cibo e che il Mibact quindi deciderà di investire in promozione turistica chiamando le regioni a tenere unita la promozione al cibo. L Basilicata gioca un ruolo importante nel settore eno-gastronomico sopratutto dopo la nuova indagine “Ristoranti d’Italia” di Travel Appeal voluta da ENIT e ONT, che hanno consacrato i ristoranti lucani con il più alto livello di soddisfazione dei viandanti.La ricerca ha analizzato oltre 2 milioni di recensioni e più di 14 milioni di opinioni pubblicate online sui principali portali (Google, Yelp, Tripadvisor, The Fork) dai turisti stranieri e relative a quasi 100.000 fra ristoranti, trattorie e osterie sparsi su tutto il territorio nazionale. Secondo la ricerca i turisti inglesi sono i “recensori” più attivi , mentre quelli americani hanno dato il giudizio più positivo sui ristoranti italiani: il loro grado di soddisfazione è infatti pari all’84,9%, davanti a canadesi (84,7%) e francesi (84,6%). A livello territoriale, è la Basilicata la regione che fa registrare il più alto livello di soddisfazione (88%), seguita da Trentino-Alto Adige (87,2%), Umbria (87,1%), Valle d’Aosta (86,8%) e Abruzzo (85,4%). Bruschette e crostoni sono il piatto più recensito in assoluto (ne parla il 25% delle recensioni analizzate), seguito da fritto e spaghetti, mentre le pappardelle sono il piatto con il grado di soddisfazione più elevato (92,3%), seguito da due grandi classici del Nord Italia: canederli e pizzoccheri. Il WTM di Londra è stata quindi l’ulteriore occasione per Matera e la Basilicata tutta, confermare il suo trand positivo nel settore turistico, il forte appeal per i viandanti di tutto il mondo per una terra che ancora deve essere esplorata a pieno, e che quindi impongono una continua strategia innovativa nel bagaglio di offerte culturali ed eno-gastronomiche da proporre ai turisti (da trmtv.it-Giulio Traietta).