UNA RETE PER I TERRITORI APPULO-LUCANI

Si assottiglia sempre più il divario territoriale tra Basilicata e Puglia. L’assessore all’identità mediterranea del comune di Matera, Adriana Poli Bortone, ha voluto incontrare i sindaci delle due regioni per tessere la tela di una macroregione culturale e turistica, realizzabile partendo dalle radici storiche comuni delle due regioni. Pragmatica e ambiziosa, l’assessore Polibortone, ha presentato ai primi cittadini...

...una bozza di progettualità comune da mettere in campo già nel 2018, in vista del flusso turistico previsto per  2019 e oltre. Vademecum sull’ accoglienza, percorsi turistici basati su tematiche comuni (feste patronali, personaggi storici e tradizioni), marketing territoriale, tutto in vista della costruzione di “Matera Mediterannea” che vede nella città capitale Europea della cultura del 2019, l’ombelico del mezzogiorno d’Italia.  Alcuni sindaci hanno fatto proposte, altri si sono limitati ad esprimere la loro tipologia di lavoro e quello che hanno costruito in questi anni. Ma quello che si è svolto al sesto piano del palazzo comunale, è solo il primo di una serie di incontri, diciamo una prima prova, per due diversi territori che anche se in ritardo, devono lavorare insieme per il bene del Sud, in questo momento storico in cui ci sono fattori favorevoli. Il primo step era conoscersi. Il prossimo passo è lavorare attraverso la costruzione di una cabina di regia che metta in piedi una strategia proprio sulla base del progetto presentato dalla Polibortone. Il suo disegno è ambizioso: mettere in rete il Mezzogiorno d’Italia, partendo da quelle che furono le terre d’Otranto. E l’incontro tenutosi al comune di Matera, è un piccolo passo verso quella visione (da trmtv.it-Giulio Traietta).