Martedì, 29 Aprile 2008 00:00

DI LORENZO: GRAVE LA CRISI DEL SALOTTO

“Dopo la lunga pausa pre e post elettorale durata sin troppo, riteniamo che, di fronte alle preoccupanti notizie che giungono dal comparto del salotto e dal grido di dolore lanciato dalla costituenda task force delle aziende del settore, il silenzio assordante e la mancanza di una qualsiasi iniziativa da parte della Giunta regionale è ingiustificata ed irresponsabile”. E’ quanto dichiarato dal consigliere regionale del gruppo misto – “Popolo della Libertà”, Pasquale Di Lorenzo. “Apprendiamo – prosegue Di Lorenzo - che la maggiore azienda del settore ha richiesto un provvedimento di cassa integrazione per 1200 operai per 13 settimane annunciando, addirittura, la chiusura totale dell’attività per qualche giorno a causa del calo degli ordinativi.
DI LORENZO: SEMPRE PIU' GRAVE LA CRISI DEL SALOTTO
“Dopo la lunga pausa pre e post elettorale durata sin troppo, riteniamo che, di fronte alle preoccupanti notizie che giungono dal comparto del salotto e dal grido di dolore lanciato dalla costituenda task force delle aziende del settore, il silenzio assordante e la mancanza di una qualsiasi iniziativa da parte della Giunta regionale è ingiustificata ed irresponsabile”. E’ quanto dichiarato dal consigliere regionale del gruppo misto – “Popolo della Libertà”, Pasquale Di Lorenzo. “Apprendiamo – prosegue Di Lorenzo - che la maggiore azienda del settore ha richiesto un provvedimento di cassa integrazione per 1200 operai per 13 settimane annunciando, addirittura, la chiusura totale dell’attività per qualche giorno a causa del calo degli ordinativi. A questo si aggiunge il fatto che altre aziende di primo piano sono sull’orlo della bancarotta a causa dell’enorme indebitamento e che, quindi, richiedono ufficialmente al sistema bancario e creditizio un intervento per poter sopravvivere. Di fronte a tutto ciò chiediamo al presidente De Filippo di attivarsi immediatamente dal momento che la situazione sta diventando davvero esplosiva, convocando un tavolo politico ed istituzionale e chiamando i sindacati, le aziende della task force del salotto e la Regione Puglia per dichiarare lo stato di crisi del settore e indicare gli interventi urgenti regionali per quanto riguarda l’accesso al credito ed il sostegno al reddito delle famiglie espulse dal sistema produttivo che stanno pagando prima di ogni altro il pesante prezzo della crisi del salotto”. “Occorre chiedere, inoltre, al Governo – continua Di Lorenzo – un incontro urgente per estendere i benefici della legge n.181 del 1989 per la riconversione delle aree di crisi industriale al fine di finanziarne la reindustrializzazione ed il rilancio e concordare una piattaforma di proposte operative e prioritarie per cercare di minimizzare il devastante impatto che potrebbe colpire l’economia materana già duramente provata in questi anni”.
Letto 123 volte