Sabato, 28 Novembre 2009 00:00

DATEVI UNA CALMATA

Datevi una calmata. Signori del governo, non ci date il tempo di metabolizzare una trovata che, zac, eccone un’altra, fresca di giornata. Eravamo fermi alle deiezioni e ci troviamo impelagati nella pausa pranzo. Per ora sorvoliamo sulle ultime esternazioni del Silvio, che straparla di magistrati che vorrebbero far cadere il governo e di adesioni convinte alla maggioranza, senza alcun rispetto del ruolo critico interno delle minoranza. Ma la pausa pasto, no, non si può toccare. Il pregiatissimo Gianfranco Rotondi, ministro per l’attuazione del programma, è uscito allo scoperto con un’affermazione per lo meno sciagurata. Tradotto: si perde troppo tempo con la pausa pranzo e altrettanta produttività. Quindi, perché non abolirla?

DATEVI UNA CALMATA

 

Datevi una calmata. Signori del governo, non ci date il tempo di metabolizzare una trovata che, zac, eccone un’altra, fresca di giornata. Eravamo fermi alle deiezioni e ci troviamo impelagati nella pausa pranzo. Per ora sorvoliamo sulle ultime esternazioni del Silvio, che straparla di magistrati che vorrebbero far cadere il governo e di adesioni convinte alla maggioranza, senza alcun rispetto del ruolo critico interno delle minoranza. Ma la pausa pasto, no, non si può toccare. Il pregiatissimo Gianfranco Rotondi, ministro per l’attuazione del programma, è uscito allo scoperto con un’affermazione per lo meno sciagurata. Tradotto: si perde troppo tempo con la pausa pranzo e altrettanta produttività. Quindi, perché non abolirla? Come dire, aboliamo una delle conquiste sindacali più rilevanti del secolo scorso, ma da esistenti da sempre nell’universo mondo. Come non ricordare gli operai edili che, qualche ora prima della sosta degli impiegati, danno mano alla loro pausa pranzo, con tanto di pietanze e con qualche bicchiere di vino? Egregio onorevole Rotondi, mi sembra che Ella non sia proprio aiutato (come dicono a Matera) dalla sua soffitta! Per quanto riguarda il resto, che cosa dobbiamo attenderci ora, il catetere esterno per orinare o il pannolone sul posto di lavoro per i bisogni corporali, mentre un addetto alla nutrizione ci ingozza senza farci allontanare dalla produzione? Per voi, cari amici che vi divertite a leggerci, propongo http://www.youtube.com/watch?v=Pc3FodeKyO0

Letto 262 volte