Venerdì, 12 Marzo 2021 01:11

SUL SEQUESTRO DI ASTRAZENECA...

Nelle scorse settimane, in provincia di Matera sono state somministrate circa 800 dosi del lotto ABV2856 di vaccini anti covid AstraZeneca.

Secondo quanto si appreso nella Città dei Sassi, nessuna reazione particolare sarebbe stata segnalata agli operatori sanitari. Nel frattempo, nella tenda donata dal Qatar e allestita in un’area attigua all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, continua la campagna di vaccinazione: la parte dedicata agli ultraottantenni si dovrebbe concludere martedì prossimo, 16 marzo. Ieri, in totale, aggiungendo quelle inoculate a forze dell’ordine e personale scolastico, a Matera, sono state somministrate circa 600 dosi di vaccino. Intanto, nella farmacia dell’ospedale di Venosa (PZ), i Carabinieri del Nas di Potenza hanno eseguito il sequestro preventivo del lotto ABV2856 di vaccini anti-Covid AstraZneca bloccato dopo la morte di un militare. Secondo quanto si appreso, in totale le dosi da sequestrare a Venosa sono 1.500. 
“In relazione al lotto Astrazeneca ABV2856, si comunica che sono presenti 1500 dosi di vaccino presso l’Azienda Sanitaria di Potenza, mai somministrate. Mentre, sempre in riferimento a tale lotto, sono state somministrate 876 dosi presso l’Azienda Sanitaria di Matera, nel periodo 01/03/2021 – 06/03/2021. Le dosi sono state somministrate a personale della scuola, VV.FF. e FF.OO. Non ci è pervenuta al momento nessuna segnalazione di gravi eventi avversi. Ricordiamo che l’AIFA ha disposto un “divieto di utilizzo” del lotto ABV2856 esclusivamente in via precauzionale. L’Agenzia “sta effettuando tutte le verifiche del caso, acquisendo documentazioni cliniche in stretta collaborazione con i NAS e le autorità competenti. I campioni di tale lotto verranno analizzati dall’Istituto Superiore di Sanità. AIFA comunicherà tempestivamente qualunque nuova informazione dovesse rendersi disponibile”. Lo ha comunicato in una nota il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi.

Letto 11 volte