Giovedì, 30 Aprile 2020 16:51

POLICORO: PRESO L'ESTORTORE DEL NOTAIO

Un uomo di 39 anni è stato fermato stamani, a Policoro (Matera), con l’accusa di essere il responsabile di un tentativo di estorsione ai danni di un notaio della città jonica...

...e del danneggiamento della porta dello studio del professionista, contro la quale – la sera del 26 gennaio scorso – furono sparati numerosi colpi di arma da fuoco. L’indagato è accusato di tentativo di estorsione e danneggiamento, con l’aggravante del metodo mafioso; e di detenzione illegale e porto in luogo pubblico di armi da sparo. I Carabinieri hanno eseguito nei suoi confronti un decreto di fermo emesso dalla Procura distrettuale antimafia di Potenza. La sera del 26 gennaio, intorno alle ore 21, numerosi proiettili colpirono la porta dello studio del notaio Massimo Plasmati, lo stemma con l’insegna della Repubblica e altre parti del palazzo, “seminando terrore” in una zona di Policoro “particolarmente frequentata” perché luogo di incontri e di svago, con diversi bar aperti. Gli investigatori hanno chiarito anche il movente del fatto: il notaio aveva acquistato ad un’asta giudiziaria una villa, situata nelle campagne di Tursi (Matera), che era di proprietà della famiglia dell’uomo fermato oggi. L’acquisto era stato ritenuto dall’indagato “un affronto” e pretendeva che il professionista gli restituisse la villa “senza neanche pagare il prezzo versato dal notaio all’asta giudiziaria” (Ansa).

Letto 17 volte