Sabato, 25 Aprile 2020 14:19

FESTA D'APRILE

Il 25 Aprile non è solo una festa civile che, in passato, è stata utilizzata per andare per mare o per monti.

Quest'anno la data cade in una  nuova fase di "resistenza", questa volta a un nemico perfido e implacabile che ha già mietuto migliaia di morti e messo l'Italia in ginocchio. Mai come quest'anno di piazze e strade deserte, questa è una ricorrenza che assume le sembianze di un atto di democrazia partecipata. Il 25 aprile di settantacinque anni fa l’Italia fu liberata per sempre dall’oppressione nazifascista. Le armate alleate che risalirono dal Sud Italia e le forze partigiane che operarono nel Nord si congiunsero per ridare dignità, speranza e fede democratica alla nazione italiana. Nel Comitato di liberazione nazionale erano presenti tutte le componenti antifasciste, dai comunisti ai socialisti, dai popolari agli aderenti a Giustizia e libertà, dai liberali, ai repubblicani e ai monarchici. Tutti insieme per  liberare l’Italia dagli anni bui della guerra e del regime dittatoriale del fascismo. Dalla buona pianta dell’antifascismo nacquero gli alberi del referendum istituzionale tra monarchia e Repubblica e l’entusiasmante stagione, quella sì, della Costituzione repubblicana. Un ricordo di stenti, di sacrifici, di sangue, ma anche di allegria.

 

Letto 20 volte

Video