Lunedì, 09 Marzo 2020 11:39

CORONA-VIRUS: LE DISPOSIZIONI DELLA CHIESA

La comunicazione di Salvatore Ligorio, Arcivescovo Metropolita di Potenza – Muro Lucano – Marsico Nuovo.

"Carissimi, in comunione con tutti i Vescovi della Regione Ecclesiastica della Basilicata, accogliendo l’ultimo decreto del Governo emanato domenica 8 marzo (articolo 2 – lettera v)

STABILISCO

• che vengano sospese le celebrazioni liturgiche e ogni altra funzione o evento religioso — e quindi anche la celebrazione pubblica della Santa Messa sia feriale che festiva, compresa quella delle esequie — da oggi fino a nuove indicazioni (attualmente il decreto è in vigore fino al 3 aprile).
• Per queste ultime, alla presenza unicamente dei familiari più stretti, sono consentiti i riti di benedizione della salma nelle cappelle a ciò adibite (al cimitero o presso l’obitorio) o nella casa del defunto, ASSOLUTAMENTE SEMPRE rispettando le condizioni richieste. La Santa Messa di suffragio sarà celebrata al termine delle disposizioni in vigore.
• Non si celebri il rito nelle Chiese parrocchiali, in quanto non si potrebbe evitare il concorso di più persone.
• Chiedo che le Chiese rimangano aperte per la preghiera personale.
• Si garantiscano i sacramenti della Riconciliazione e dell’Unzione degli Infermi rispettando le dovute precauzioni. Pertanto da domenica pomeriggio 8 marzo ogni celebrazione pubblica è stata sospesa e al contempo ogni obbligo di assolvere al precetto festivo. Raccomando la preghiera personale, avvalendovi dei mezzi di comunicazione sociali (Radio e Televisione) per le celebrazioni feriali e festive.
Vi propongo il testo di una preghiera che affido a ciascuno di voi. Potete recitarla accendendo la candela che avete ricevuto il giorno della Candelora o un cero simbolo della nostra fede.
Possa questa misteriosa prova a cui il nostro popolo è sottoposto, aiutarci a riscoprire maggiormente il valore della preghiera e il rapporto personale con il Signore, che rimane la fonte della nostra Speranza e che ci libera da ogni angoscia e smarrimento. Invochiamo la Madonna e i nostri Santi perché ci custodiscano dal male e ci proteggano, sostenendo la nostra fede.
Infine, chiedo che si abbia particolare attenzione per i nostri anziani e ammalati, non lasciandoli mai soli! Uniti nella preghiera comune".

Letto 34 volte