Domenica, 15 Dicembre 2019 09:18

UN CAMPIONE TECNOLOGICO LUCANO

Anche nel 2020 la lobby dei campioni tecnologici europei sarà guidata da un imprenditore italiano, il lucano Gianpiero Lotito.

Intervistato nei giorni scorsi da TRM Network durante l’incontro del sindaco di Matera coi vertici di Assolombarda a Milano, il fondatore e ceo di FacilityLive è stato nominato per il secondo anno consecutivo al timone della lobby dei campioni tecnologici europei; fanno parte big come BlaBlaCar, Booking.com e Spotify. Obiettivo del mandato: rinforzare l’ecosistema digitale UE .Grazie alla proattività che Gianpiero Lotito ha dimostrato rappresentando EUTA in numerosi eventi internazionali di alto livello, incontri bilaterali con le più alte cariche istituzionali, prestigiose roundtable e sui più importanti media globali, il board dell’Alleanza ha sostenuto con forza la ricandidatura del CEO di FacilityLive ufficializzandone la riconferma a Presidente. FacilityLive è oggi una delle startup europee più conosciute in Europa e l’italiana con la valutazione più alta (225mln di euro). Con brevetti in 46 Paesi, una forte componente innovativa – un cambio di paradigma nel rapporto uomo-macchina e nell’accesso alle informazioni – è definita dai media globali come la European Search Platform. «Fin dal mio primo intervento pubblico fatto al Parlamento Europeo a Bruxelles nel 2014 su invito dell’European Internet Forum – afferma Gianpiero Lotito commentando la rielezione – ho creduto fortemente che l’impegno nell’Unione europea fosse un passaggio fondamentale per far crescere in Europa un ecosistema digitale veramente europeo. L’opportunità di continuare questo impegno non solo come tecnologo e fondatore di FacilityLive, ma anche come presidente della più importante alleanza di campioni tecnologici europei mi è sembrata quasi un dovere, oltre che un onore. Sono felice di riconfermare questa presidenza dando modo anche all’Italia di essere rappresentata in Europa con un ruolo di prestigio cruciale per la crescita di un’industria digitale in Europa».

Letto 17 volte