Mercoledì, 16 Ottobre 2019 10:53

IL GOVERNO VARA LA LEGGE DI BILANCIO E IL DECRETO FISCALE

Il Consiglio dei Ministri si è riunito martedì alle 23.00 nella sede del Governo ed è durato circa sei ore. Via libera a una Legge di bilancio da circa 30 miliardi e al Decreto fiscale.

I due provvedimenti – è spiegato in una nota di Palazzo Chigi – compongono la manovra finanziaria e trovano la loro traduzione sul piano contabile nel Documento programmatico di bilancio per il 2020, che viene quindi trasmesso alla Commissione europea. “La manovra che ne risulta” spiega il Governo “non si limita all’eliminazione della clausola di salvaguardia sull’Iva per il 2020, ma contiene importanti provvedimenti per il lavoro, l’ambiente, gli investimenti, la famiglia e la disabilità, avviando l’attivazione delle politiche contenute nella Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza”. In breve: La soglia del contante scende a 2000 euro, poi a 1000 dal 2022. Per il carcere agli evasori arriva una prima norma, poi già si annuncia un emendamento. Passa il superbonus per chi paga con carta di credito. Salgono a 600 milioni le risorse per la famiglia. Arriva da settembre 2020 l’abolizione del superticket. Tra le altre misure quelle per il sud: vengono destinate risorse ad interventi per incentivare gli investimenti delle imprese, alle infrastrutture sociali e al risparmio energetico nelle regioni del Mezzogiorno. Deciso infine, su proposta del Ministro dell’interno Luciana Lamorgese, “a seguito di accertati condizionamenti da parte delle locali organizzazioni criminali, a norma dell’articolo 143 del Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267)”, l’affidamento, per diciotto mesi, dell’amministrazione del Comune di Manfredonia (Foggia), già sciolto lo scorso 21 maggio 2019 a seguito delle dimissioni del sindaco, a una commissione di gestione straordinaria.

Letto 19 volte