Giovedì, 03 Ottobre 2019 06:00

VENT'ANNI DI FESTIVAL DUNI

Vent'anni di Festival Duni. Dal 17 ottobre al 15 dicembre 2019, Matera ospiterà la XX edizione del Festival dedicato a Egidio Romualdo Duni (1708-1775), compositore materano del Settecento.

Titolo della rassegna 2019 è “Viaggi musicali da Matera al mondo” a sintetizzare la provenienza internazionale e diversa dei musicisti coinvolti dal direttore artistico Dinko Fabris (al suo secondo anno di programmazione) e da Saverio Vizziello, presidente dalla prima edizione. Saranno presentati al pubblico musicisti di tanti paesi diversi, ma in un costruttivo dialogo culturale con il passato dell’Italia meridionale e con una nuova prospettiva di oggi, grazie agli interventi di Fabrizio Festa e di MaterElettrica. Momento attesissimo del Festival sabato 19 ottobre, alle 20.30,con la prima moderna dell’opéra-comique di Duni Le retour au village (“Il ritorno al villaggio”). Un’occasione preziosa perché segnerà il ritorno dell’opera al Teatro Comunale “Gerardo Guerrieri” di Matera, riaperto dopo i lavori di restauro. Questa nuova produzione è affidata musicalmente al pugliese Sabino Manzo, alla guida dell’orchestra e del coro barocchi del Festival e di un gruppo di giovani solisti vocali specialisti del repertorio, e per la regia al noto attore-regista lucano Ulderico Pesce; sui leggii l’edizione critica curata dal musicologo Lorenzo Mattei dell’Università di Bari. Questo attesissimo appuntamento operistico, si aprirà giovedì 17, alle 20.30, alla Cappella del Cristo Flagellato, con il complesso portoghese Cappella dei Signori diretto da Ricardo Bernardes, impegnato in un programma dedicato alla musica polifonica brasiliana e portoghese del XVI secolo; un appuntamento realizzato in collaborazione con la Casa de Mateus (Porto). Nel weekend di apertura del Festival, Matera ospiterà inoltre il convegno annuale della Società Italiana di Musicologia al quale parteciperanno studiosi da tutto il mondo e che animerà la Città dei Sassi nel segno della musica. Il programma del Festival Duni proseguirà sino a dicembre con altri quattordici appuntamenti in cui si alterneranno artisti ed ensemble provenienti dalla Francia, Svezia, Cuba, Brasile, e naturalmente dall’Italia, con grande attenzione alle pagine meno note o inedite del grande patrimonio musicale del sud, confluito nella cosiddetta “scuola napoletana”, di cui lo stesso Duni fu un autorevole esponente. La scuola napoletana sarà rappresentata anche da un’altra delle personalità lucane più note del repertorio, Giovanni Maria Trabaci, nato nella odierna Irsina (Matera) e divenuto il più importante musicista della Napoli spagnola del primo Seicento. La sua musica sarà protagonista della seconda tappa di un progetto speciale avviato nel 2018, che prevede l’esecuzione dell’integrale delle sue quattro Passioni pubblicate nel 1634 e finora sconosciute. Nel 2019 è la volta della Passione secondo Marco, coprodotta con il Festival Oude Muzik di Utrecht, che sarà eseguita il 24 ottobre nella Cattedrale di Matera dal Concerto Soave di Marsiglia diretto da Jean-Marc Aymes. La cornice sarà impreziosita ed esclusiva poiché la chiesa materana ospiterà per l’occasione capolavori pittorici del tempo di Trabaci giunti appositamente da Toledo, grazie al Centro Studi Giovanni Maria Trabaci diretto da Giuseppe Barile, che coordina col Festival Duni questo progetto. Ospite d’eccezione, star internazionale del repertorio antico, è il francese Christophe Rousset, lunedì 2 dicembre, alla Chiesa del Purgatorio, impegnato in un recital al clavicembalo dedicato al repertorio per tastiera di Couperin e Bach. Novità del programma di quest’anno è il Café Duny, iniziativa collaterale coordinata dalla giornalista di «La Repubblica» Fiorella Sassanelli, durante la quale sono previste presentazioni di dischi, libri e dialoghi sulla musica e le arti in città. Tra gli ospiti di questa serie di presentazioni concerto Francesco Cera, l’Ensemble Duni e Amaya Pozuelo, quest’ultima impegnata in un recital in omaggio a Domenico Scarlatti nel giorno del suo compleanno il 26 ottobre in collaborazione con la Fondazione Marco Fodella. Nel 2019 si rinnova la collaborazione fra il Festival Duni, MaterElettrica e il compositore Fabrizio Festa, che insieme creano un connubio tra musica antica e musica d’oggi, caratteristica innovativa della manifestazione materana. La XX edizione vedrà Festa e l’insieme MaterElettrica protagonisti di tre progetti: il primo, lunedì 11 novembre, sarà una esecuzione filologica su strumenti antichi delle celeberrime Quattro stagioni di Antonio Vivaldi ad opera del complesso torinese L’Astrée e del violinista Francesco D’Orazio, per il quale Festa ha composto una “Quinta Stagione” per violino elettrico, che eseguirà in prima assoluta al Teatro Comunale Guerreri. Quindi il concerto di venerdì 15 novembre, agli Ipogei Motta, ispirato al barocco inglese di Shakespeare e Purcell, rivisitato attraverso la musica elettronica e la voce inconfondibile di Cristina Zavalloni, “diva” del repertorio contemporaneo; infine una lezione-concerto attraverso teoria musicale e suoni di strumenti a fiato del barocco che intende coinvolgere gli studenti dei diversi gradi scolastici. Tra gli altri ensemble e musicisti che saranno presenti a Matera nel 2019, il ritorno, mercoledì 6 novembre, del complesso cubano Ars Longa de la Habana (ensemble scoperto e portato a Matera per la prima volta nel 2005 da Claudio Abbado). E ancora un giovane talento pugliese di famiglia lucana, Carlo Maria Barile, suonerà martedì 22 ottobre, uno dei rarissimi organi del Cinquecento dell’Italia meridionale tuttora funzionante, nella chiesa di Sant’Agostino di Salandra. Musiche del compositore svedese Roman, ispirate a Napoli, saranno eseguite da Dan Laurin (domenica 8 dicembre), uno dei massimi virtuosi di flauto dolce, accompagnato al clavicembalo da Anna Paradiso, musicista barese ormai adottata in Svezia. Giovedì 21 novembre sarà, invece, protagonista l’arciliuto di Luca Tarantino con l’esecuzione del Libro di liuto di G.A. Doni. La conclusione del Festival è affidata, il 15 dicembre, ad una delle personalità più colte e acclamate del pop d’autore contemporaneo: la cantante israeliana Noa, che sarà a Matera con il suo progetto Letters to Bach.

Letto 24 volte