Martedì, 09 Luglio 2019 22:55

CONSIGLIO LUCANO: APPROVATO RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2018

Il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza (con 12 voti favorevoli di Fi, Lega, Idea, Bp, Fdi e Cifarelli del Pd e 3 astensioni di Ab, M5s e Polese del Pd) il rendiconto della gestione del bilancio del Consiglio regionale relativo all’esercizio finanziario 2018.

L’esercizio finanziario 2018 si è concluso con un avanzo di amministrazione pari a circa 2,9 milioni di euro, composto da una quota vincolata e una quota libera che viene riversata successivamente al bilancio della Regione. A contribuire al raggiungimento del risultato positivo i 119 mila euro di risparmi conseguenti alla riduzione degli assegni dei vitalizi corrisposti agli ex consiglieri regionali e il 10 per cento dei tagli agli importi lordi mensili delle indennità di carica e di funzione dei consiglieri regionali. In particolare il bilancio di previsione finanziario del Consiglio regionale per il 2018 prevedeva entrate ed uscite pari a circa 19,5 milioni di euro. Le previsioni definitive si sono assestate a circa 20,6 milioni di euro. Il fondo cassa al 31 dicembre è risultato pari a 2,3 milioni di euro e il fondo pluriennale vincolato a circa 537 mila euro. I residui attivi ammontano a 4 milioni di euro e quelli passivi a 2,9 milioni di euro. Gli impegni sugli stanziamenti definitivi sono in pari a circa 17 milioni di euro. Sui servizi istituzionali, generali e di gestione le previsioni definitive sono di 17.994.846,57 euro di cui circa 10,7 milioni di euro destinati agli organi istituzionali, 1,8 alle risorse umane, 4,8 alla gestione economica, finanziaria, programmazione e provveditorato, circa 381 mila euro per statistica e sistemi informativi e 148 mila euro per la segreteria generale. Per gli altri servizi generali le previsioni di circa 11,4 mila euro si sono assestati a 4 mila euro con una diminuzione di circa il 65 per cento. Della somma a disposizione per il personale dei gruppi consiliari pari a 1,05 milioni è stato utilizzato circa un milione di euro mentre per le spese di funzionamento sono state impiegate nel 2018 circa 129 mila euro sul totale delle risorse a disposizione pari a circa 140 mila euro. Al netto delle partite di giro le entrate del Consiglio regionale sono di circa 18,4 milioni di euro, di cui il 76 per cento deriva da trasferimenti a carico del bilancio regionale. Le spese complessivamente impegnate nello scorso anno ammontano a circa 17 milioni. Nel corso dell'esercizio, al netto delle partite di giro, sono stati effettuati pagamenti per circa 15,9 milioni di euro. Al documento è allegato il parere favorevole del Collegio dei revisori dei conti (Giovanni Brenna, Anna Grisorio e Marco Nestore), che raccomandano “negli esercizi 2019 e seguenti di porre attenzione al rispetto dei limiti di spesa derivanti dai vincoli di finanza pubblica”.

 

Letto 62 volte