Venerdì, 31 Maggio 2019 08:48

MATERIT FERRANDINA: RINVIATI A GIUDIZIO IN CINQUE

Il giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Matera, Angela Rosa Nettis, ha disposto il rinvio a giudizio di cinque fra ex amministratori e dirigenti della Materit di Ferrandina (Matera), ritenuti responsabili della morte...

...causata dall’esposizione all’amianto di cinque persone e della malattia che ne ha colpite altre 17. Il processo contro Silvano Benitti, Pietro Pini, Michele Cardinale, Michele Bonanni e Lorenzo Mo comincerà il prossimo 22 ottobre davanti al giudice monocratico del Tribunale di Matera. La produzione di manufatti in cemento-amianto nello stabilimento della Materit di Ferrandina si concluse il 18 settembre 1989. I cinque imputati sono accusati di omicidio colposo per aver violato le norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. Tale comportamento – secondo l’accusa – causò la morte di quattro ex lavoratori della fabbrica e di una donna, moglie di un altro dipendente, stroncata da “asbestosi polmonare associata ad una significativa compromissione respiratoria”. La donna contrasse la malattia perché fu esposta alle fibre di amianto che si erano depositate sulla tuta del marito, dipendente della Materit, che lei lavava in casa. Le cinque persone sono morte fra il 2013 e il 2016. Gli imputati sono accusati, in particolare, di non aver dotato i luoghi di produzione di “idonei sistemi di aspirazione”, di non aver informato i lavoratori sui “rischi specifici cui erano esposti” e di non aver fornito loro “apparecchi personali di protezione volti ad impedire l’inalazione delle fibre di amianto”.

Letto 6 volte