Giovedì, 24 Gennaio 2019 08:43

MATER(I)A SI FA P(I)ETRA

Nel 2019 - anno da Capitale europea della Cultura - nella Città dei Sassi si potrà fare un lungo viaggio nel tempo e nello spazio, partendo da Matera e arrivando, attraverso gli scatti di Carlos Solito, fino a Petra, in Giordania.

Due città, patrimonio dell'Umanità, scolpite nella roccia dove le storie degli uomini si intrecciano con quelle dei luoghi. La mostra "Mater(i)a P(i)etra" è stata allestita nella Sala Levi di Palazzo Lanfranchi e sarà visitabile fino al prossimo 17 marzo.
Sono 80 le fotografie - divise in 40 coppie - che il fotografo, regista e scrittore spagnolo ha scattato lo scorso anno, creando così l'accostamento tra due città millenarie. Ma non solo. Solito si è "spinto" anche in altre zone del Materano: dal Metapontino all'area dei Calanchi, dalle rovine del castello di Uggiano di Ferrandina a quelle di Craco, "il paese fantasma" (Ansa).

Letto 23 volte