Mercoledì, 11 Luglio 2018 02:58

SANITA' LUCANA: INCOMINCIATI A MATERA GLI INTERROGATORI DI GARANZIA

E’ durato, ieri, circa tre ore l’interrogatorio di garanzia di Pietro Quinto (commissario straordinario dell’Azienda sanitaria di Matera, incarico da cui si è dimesso dopo l’arresto) in carcere da venerdì scorso nell’ambito dell’inchiesta sulle raccomandazioni e i concorsi truccati nella sanità lucana.

Dopo Quinto, il gip di Matera Angela Rosa Nettis ha ascoltato Maria Benedetto, il direttore amministrativo dell’Asm che è in carcere da venerdi’ scorso. mentre il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella (Pd), ai domiciliari, sarà ascoltato nella giornata di giovedi’ prossimo, 12 luglio.
Secondo quanto si e’ appreso, Quinto – difeso dall’avvocato Vincenzo Montagna – ha risposto a tutte le domande che gli sono state poste e ha ammesso di aver ricevuto delle segnalazioni ma senza, a suo parere, aver commesso alcun tipo di reato. Inoltre ha chiarito alcuni elementi sulla carriera universitaria del figlio all’Ateneo di Bari e in particolare sulla circostanza che ha superato cinque esami in alcuni mesi e non tutti nello stesso giorno come era trapelato nei giorni scorsi. La difesa ha chiesto l’attenuazione della misura cautelare e ha annunciato che Quinto non tornera’ a lavorare all’Asm fino alla conclusione delle indagini (Ansa).

Letto 2 volte