Mercoledì, 26 Novembre 2008 00:00

EUSTACHIO O TEOPISTA?

La proposta del partito lucano della Fiamma Tricolore ha acceso ieri un riflettore in più (oltre a quello proprio non amichevole, de La Repubblica) sulla Basilicata. Qual è la proposta? Dare un assegno di 1500 Euro, da attingere alle royalties del petrolio, alle famiglie che battezzano un neonato con i nomi di Benito o di Rachele. Siamo di fronte, si spera, a una voluta provocazione per riavviare il dibattito sull’uso di quei denari, spesi sostanzialmente in panchine e spazi più o meno verdi, per altro poco frequentati. Per il resto, non ci scandalizziamo più di tanto e così dovrebbero fare i democratici e i compagnucci superstiti. Mussolini si chiamava Benito in onore dell’indimenticato Benito Juarez, eroe della rivoluzione proletaria messicana...
EUSTACHIO O TEOPISTA?
 
La proposta del partito lucano della Fiamma Tricolore ha acceso ieri un riflettore in più (oltre a quello proprio non amichevole, de La Repubblica) sulla Basilicata. Qual è la proposta? Dare un assegno di 1500 Euro, da attingere alle royalties del petrolio, alle famiglie che battezzano un neonato con i nomi di Benito o di Rachele. Siamo di fronte, si spera, a una voluta provocazione per riavviare il dibattito sull’uso di quei denari, spesi sostanzialmente in panchine e spazi più o meno verdi, per altro poco frequentati. Per il resto, non ci scandalizziamo più di tanto e così dovrebbero fare i democratici e i compagnucci superstiti. Mussolini si chiamava Benito in onore dell’indimenticato Benito Juarez, eroe della rivoluzione proletaria messicana, Per quel che riguarda Rachele, ci troviamo di fronte a uno dei nomi più utilizzati e più belli della antichissima tradizione ebraica, con buona pace della difesa della razza. La cosa, in ogni caso, è ingiustificatamente discriminatoria. Perché un nuovo Gerardo, Innocenzo o Rocco (oppure Sinforosa, Orsola o Immacolata) non dovrebbe vedere beneficiata la sua famiglia di quel contributo? E che gli mancano ai materani Eustachio Vincenzo, Vito Nicola, Francesco Paolo e, udite udite, Teopista? E, a questo punto, perché non Vladimiro, Mao, Barak, Osama, Adolfo o Hiroito? Ma, per finire, siete proprio sicuri che le famose royalties potranno essere destinate all’incremento demografico lucano? Meditate, gente, meditate…
Letto 310 volte