Venerdì, 09 Novembre 2007 00:00

AUTOMOTO CLUB STORICI A MATERAEXPO

Il Matera Sassi Lambretta Club Basilicata e il nuovo Club Auto e Moto Storiche Matera, associazioni ambedue federate dell’ASI (Automotoclub storico italiano), parteciperanno alla due giorni sulla sicurezza sui luoghi di lavoro, organizzata dall’Inail e dagli altri enti istituzionali per i giorni di sabato 10 e domenica 11 Novembre. Alcuni scooter, motociclette e automobili storiche dei soci dei due sodalizi saranno, infatti, esposte nella centrale piazza della Visitazione dove, dal pomeriggio del sabato, si terranno dimostrazioni in materia di sicurezza a cura dei Vigili del Fuoco, della Croce rossa, del 118, e delle Forze dell’Ordine.

CLUB STORICI A MATERAEXPO SICUREZZA

 

Il Matera Sassi Lambretta Club Basilicata e il nuovo Club Auto e Moto Storiche Matera, associazioni ambedue federate dell’ASI (Automotoclub storico italiano), parteciperanno alla due giorni sulla sicurezza sui luoghi di lavoro, organizzata dall’Inail e dagli altri enti istituzionali per i giorni di sabato 10 e domenica 11 Novembre. Alcuni scooter, motociclette e automobili storiche dei soci dei due sodalizi saranno, infatti, esposte nella centrale piazza della Visitazione dove, dal pomeriggio del sabato, si terranno dimostrazioni in materia di sicurezza a cura dei Vigili del Fuoco, della Croce rossa, del 118, e delle Forze dell’Ordine. La presenza dei mezzi storici a due e a quattro ruote – ha detto in proposito il presidente del Lambretta club Leonardo Cascione – punta a sottolineare che la sicurezza riguarda anche la strada e il comportamento corretto che ogni utente deve tenere, dall’indossare il casco al controllo della sicurezza passiva dei mezzi stessi. La tutela della sicurezza sul lavoro – ha detto dal canto suo il presidente del Club auto e moto storiche Graziano Iuliano – oltre a porre l’attenzione sull’importanza del collezionismo d’epoca, sottolinea come anche per gli automezzi di circa mezzo secolo fa è esistita una continua evoluzione del concetto e delle misure di sicurezza che hanno portato, poi, agli standard delle autovetture e dei motocicli odierni.

Letto 182 volte