Giovedì, 24 Luglio 2008 00:00

VINCENZO, PER ESEMPIO

Con un resoconto dal vago sapore militare l’Acquedotto lucano ha fatto sapere di aver ripristinato l’erogazione idrica nella città di Matera. L’ente ha anche specificato, con puntigliosità da speziale, in che modo sostiene di aver informato la popolazione dell’imminente disagio e precisa di aver emesso il primo comunicato nella “mattinata” di lunedì scorso. Non ci interessa punto fare le cosiddette “pulci” all’Acquedotto Lucano ma non riusciamo a capire l’esposizione “schizofrenica” di due eventi. Del primo, vale a dire la rottura della condotta, l’ente ci da anche l’ora esatta. Del secondo, cioè il primigenio comunicato stampa, ci si dice che è stato emesso nella stessa mattinata. Ciò conferma che, sul fronte della comunicazione, si poteva fare molto di più.

VINCENZO,  PER ESEMPIO

Con un resoconto dal vago sapore militare l’Acquedotto lucano ha fatto sapere di aver ripristinato l’erogazione idrica nella città di Matera. L’ente ha anche specificato, con puntigliosità da speziale, in che modo sostiene di aver informato la popolazione dell’imminente disagio e precisa di aver emesso il primo comunicato nella “mattinata” di lunedì scorso. Non ci interessa punto fare le cosiddette “pulci” all’Acquedotto Lucano ma non riusciamo a capire l’esposizione “schizofrenica” di due eventi. Del primo, vale a dire la rottura della condotta, l’ente ci da anche l’ora esatta. Del secondo, cioè il primigenio comunicato stampa, ci si dice che è stato emesso nella stessa mattinata. Ciò conferma che, sul fronte della comunicazione, si poteva fare molto di più. Eccovi un esempio. Vincenzo è un dipendente pubblico con una radicata passione per la politica, che egli manifesta espletando un servizio particolare. Dotato di un bel timbro di voce, nel corso delle campagne elettorali si dedica allo “speakeraggio” per il suo partito. Con un’autovettura e due trombe sul tetto, è capace di percorrere in poco più di due ore tutto l’abitato della città dei Sassi, diffondendo gli annunci degli appuntamenti elettorali. Oltre a Vincenzo (che lo fa per passione come Bocca di Rosa) ci sono altri “speakeristi” che si impegnano a pagamento nello stesso servizio. Cari amici idrici, ve lo dobbiamo suggerire noi cosa si sarebbe dovuto fare per avvertire in modo immediato la popolazione del disagio, che c’è stato e non è stato di poco conto? Pensateci la prossima volta e non dimenticatevi di Vincenzo. Per ora, è acqua passata…

Letto 287 volte