I LAVORI DEL CONSIGLIO REGIONALE DI AVANTIERI

Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità, nella seduta di avantieri pomeriggio, una mozione proposta dal consigliere Paolo Galante (Ri) che impegna la Giunta regionale “a garantire l’immediata attuazione, senza ulteriori indugi, delle disposizioni contenute all’articolo 30 della legge regionale n. 19/2017 (Collegato alla legge di stabilità regionale 2017) impegnando a tal fine le aziende sanitarie e gli uffici regionali, raccomandandone l’urgenza”.

La norma richiamata nella mozione prevede tra l’altro che “al fine di ottimizzare la gestione delle liste di attesa per l'accesso dei cittadini alle prestazioni di specialistica ambulatoriale e ai percorsi assistenziali della medicina territoriale, le prescrizioni su ricettario del Servizio sanitario regionale e le prescrizioni su modulistica del Servizio sanitario regionale di piani terapeutici, di ausili e di presidi sanitari, comprese quelle connesse a particolari aree cliniche e patologie, sono operate da: medici di medicina generale e pediatri di libera scelta; medici di continuità assistenziale; medici delle strutture pubbliche; medici operanti presso le strutture accreditate con il Servizio sanitario regionale pubbliche e private”. Prevede inoltre che “al fine di migliorare l'integrazione tra le strutture accreditate del Servizio sanitario regionale, le strutture sanitarie private accreditate con il Servizio sanitario nazionale possono altresì avvalersi: dell'opera di medici in rapporto esclusivo con il Servizio sanitario nazionale, sempre che questa rientri nell'ambito di accordi e/o protocolli di intesa stipulati con le Aziende del Servizio sanitario regionale di dipendenza; dell'opera di medici in rapporto con altre strutture private accreditate con il Servizio sanitario nazionale”. La massima assemblea lucana ha approvato all’unanimità una delibera della Giunta regionale che modifica il Piano triennale di dimensionamento delle istituzioni scolastiche della Regione Basilicata 2018/2021. Con la modifica viene istituita la sede del Liceo scientifico presso l’Istituto di istruzione secondaria superiore “G. Solimene” di Lavello come nuovo indirizzo e non come sezione staccata dell’Istituto di istruzione secondaria superiore Federico II di Melfi. Successivamente, nel corso di una votazione sulla proposta dell’assessore Cifarelli di rinviare all’esame delle Commissioni una proposta di modifica della legge regionale n. 16/2002 (“Disciplina generale degli interventi in favore dei Lucani nel mondo”), di iniziativa del consigliere Mollica (Udc), constatata l’assenza del numero legale (al momento del voto erano presenti in Aula i consiglieri Bochicchio, Cifarelli, Galante, Leggieri, Miranda Castelgrande, Perrino, Romaniello, Santarsiero e Spada), il presidente dell’Assemblea Santarsiero ha sciolto la seduta.