A SCUOLA DI LIBERTA'

La studentessa lucana Alisia Taddei della terza A del Liceo scientifico “ Pasolini “ di Laurenzana, è stata la seconda classificata al premio letterario nazionale “A scuola di libertà’ : le scuole imparano a conoscere il carcere“ per l’anno scolastico 2017- 2018. Alisia Taddei con il testo ”La casa” che “esprime - questa la motivazione - con rara sensibilità narrativa il percorso fatto durante l’anno scolastico e mostra sintonia empatica con le vicende conosciute e ferma determinazione di volgere in orizzonte positivo le esperienze, individuando vie di riconciliazione e di futuro possibile “. "Il testo - spiega Francesco Cafarelli dell'Aics di Basilicata - nasce dalle attività del laboratorio di scrittura creativa realizzato all’interno della casa circondariale di Potenza e inserito nel progetto nazionale dell’Aics “Adolescenze competenti“ che ha coinvolto, in Basilicata, il Liceo Pasolini di Laurenzana, l’ I.S. Agrario Fortunato di Potenza e l’Ipsia Da Vinci di Matera". Alla cerimonia di premiazione, avvenuta nella storica cornice di Palazzo Valenti sede della Provincia a Roma, erano presenti l’alunna premiata, accompagnata dalla docente Mariarosaria Sabina, delegata del dirigente scolastico Giovanni Latrofa, la referente locale di Progetto Vincenza Ruggiero e il presidente della CRVG e dell’AICS di Basilicata Francesco Cafarelli. La consegna dei premi ai primi tre studenti classificati è avvenuta nel corso dei lavori della XI Assemblea nazionale dal titolo “ 70 volte 7 “ della CNV Giustizia che ha affrontato nelle sette sessioni temi quali la giustizia riparativa, il ruolo dei Garanti dei detenuti,la recidiva e l’inserimento lavorativo, la Giustizia Minorile, i fronti di impegno dei volontari della giustizia e la riforma dell’ordinamento penitenziario. Ai lavori dell’assemblea,coordinati dalla giornalista Ornella Favero, direttore editoriale di Ristretti OrizzontiI e presidente della Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia, hanno relazionato : Santi Consolo Capo Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria,Lucia Castellano Direttore Generale del Dipartimento Giustizia Minorile e di Comunità, il Direttore del carcere di Milano-Bollate Massimo Parisi, il Magistrato di sorveglianza del tribunale di Spoleto Fabio Gianfilippi, don Ettore Cannavera fondatore della Comunità per minori e giovani adulti sottoposti a provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria “ La Collina “ di Cagliari, Gianluca Guida Direttore dell’Istituto Penale Minorile di Nisida, Stefano Anastasia Garante dei diritti delle persone private della libertà personale del Lazio e dell’Umbria, Mauro Palma Garante nazionale dei diritti dei detenuti e, infine, Andrea Carraro scrittore, autore del romanzo ”Il branco “ tratto da una storia vera che ha ispirato il film omonimo diretto da Marco Risi.