LA BASILICATA AL SALONE DEL LIBRO

Va benissimo. Il Consiglio regionale lucano ha sempre partecipato al Salone internazionale del Libro di Torino e anche quest'anno è presente. Spiace che le vicende  legate all'approvazione dello strumento contabile regionale non abbiano permesso la presenza del consueto stand.  Si è rimediato, anche bene diremmo, con l'associazione deli lucani in Piemonte. Il presidente del Consiglio Vito Santarsiero ha inviato alla stampa un messaggio di buon auspicio per la riuscita della manifestazione. “La cultura è un fattore primario ed imprescindibile di sviluppo” e “un Paese che non investe in cultura è un Paese che rinuncia. “Resto convinto – ha aggiunto Santarsiero, secondo quanto reso noto dall’ufficio stampa del Consiglio regionale – che il contatto materiale con il libro insegni qualche cosa in più rispetto all’uso di una riedizione moderna o di un’immagine in pdf o di una digitalizzazione sia pure ben fatta. Ecco perché considero iniziative come questa di Torino importanti anche per rimarcare l’impegno del Consiglio regionale della Basilicata nel contribuire a garantire la promozione, la valorizzazione e lo sviluppo della media e piccola imprenditoria editoriale lucana. I piccoli editori, valorosi professionisti con la loro instancabile attività mostrano giorno dopo giorno di saper stare insieme, mettendo in pratica intelligenti sinergie per far conoscere la Basilicata”. “Con competenza e creatività – ha concluso – mostrano di credere che la cultura può trasformarsi in moltiplicatore, e le istituzioni non possono non sostenere questo loro progetto e accompagnarli in un percorso di visibilità e di crescita. Tornando a questa occasione voglio ribadire che la cultura è soprattutto valore collettivo e ognuno deve fare la propria parte insieme, grandi e piccoli editori, per aumentare il numero di lettori in Italia e nella nostra Regione. Se insieme lavoreremo per questo, i risultati arriveranno”. Le manifestazioni promosse dal Consiglio regionale a Torino si svolgeranno da oggi a domenica nella sede della Federazione dei circoli e delle associazioni lucane del Piemonte.