IL M5S SULL'INCENERITORE DI MATERA

"Da pochi giorni la Giunta regionale lucana, guidata dal Presidente Pittella, ha approvato il rinnovo e l'ampliamento dell’ Autorizzazione Integrata Ambientale presentata dalla Italcementi Spa. All’impianto sarà così consentito di bruciare nei propri forni fino a 60mila tonnellate l’anno di CSS (Combustibile Solido Secondario), ossia un combustibile ottenuto dalla componente secca ( plastica, carta, fibre tessili ) dei rifiuti non pericolosi,sia urbani che speciali". Lo dichiara Antonio Materdomini - Portavoce M5S Matera. "Tutto questo a ridosso del Parco della Murgia, dei Sassi di Matera e, ovviamente, a discapito dei materani che - aggiunge - subiranno le attività di quello che, di fatto, potrebbe lavorare come un vero e proprio inceneritore. Come cittadini ci opponiamo fermamente a questa decisione che va in netto contrasto con gli obiettivi del M5S in materia di gestione rifiuti. Per questa ragione, il M5S di Matera ha deciso di avviare attività concrete di contrasto alla decisione presa dalla giunta Pittella. Nei prossimi giorni, partirà una raccolta fondi per sostenere con ogni mezzo legale e civile questa battaglia, contro la scelta dei partiti che, oggi, sembrerebbero avere più a cuore gli interessi della multinazionale tedesca, proprietaria di Italcementi, che non il legittimo diritto dei cittadini materani ad un ambiente tutelato e sano. La raccolta si svolgerà su più fronti. Avvieremo una campagna di crowdfunding online, a cui sarà possibile aderire versando un contributo spontaneo su un apposito conto. Saranno posizionati anche alcuni salvadanai nelle attività commerciali materane che aderiranno alla raccolta. Inoltre, saremo in piazza con alcuni banchetti per raccogliere cellulari in disuso (quelli abbandonati nei cassetti, veri e propri rifiuti speciali e dimenticati a casa!) destinati al riciclo, per sottolineare quella che è la strada principale nella gestione dei rifiuti secondo il Movimento 5 Stelle, ossia riduzione, riuso e riciclo. Per premiare i cittadini virtuosi che consegneranno i vecchi cellulari da riciclare, è stata prevista la corresponsione di 5 SCEC, una moneta complementare che equivale a 1 euro di sconto su ogni 10 euro di spesa da utilizzare nelle attività commerciali convenzionate. Su un’apposita pagina Facebook, “STOPINCENERITOREAMATERA” saranno comunicati in tempo reale e giorno per giorno, il contatore delle somme raccolte, il numero dei cellulari riconsegnati, orari e giorni dei banchetti, posizione dei salvadanai e indirizzo delle attività commerciali materane aderenti alla raccolta fondi ed agli sconti SCEC". "Da pochi giorni la Giunta regionale lucana, guidata dal Presidente Pittella, ha approvato il rinnovo e l'ampliamento dell’ Autorizzazione Integrata Ambientale presentata dalla Italcementi Spa. All’impianto sarà così consentito di bruciare nei propri forni fino a 60mila tonnellate l’anno di CSS (Combustibile Solido Secondario), ossia un combustibile ottenuto dalla componente secca ( plastica, carta, fibre tessili ) dei rifiuti non pericolosi,sia urbani che speciali". Lo dichiara Antonio Materdomini - Portavoce M5S Matera. "Tutto questo a ridosso del Parco della Murgia, dei Sassi di Matera e, ovviamente, a discapito dei materani che - aggiunge - subiranno le attività di quello che, di fatto, potrebbe lavorare come un vero e proprio inceneritore. Come cittadini ci opponiamo fermamente a questa decisione che va in netto contrasto con gli obiettivi del M5S in materia di gestione rifiuti. Per questa ragione, il M5S di Matera ha deciso di avviare attività concrete di contrasto alla decisione presa dalla giunta Pittella. Nei prossimi giorni, partirà una raccolta fondi per sostenere con ogni mezzo legale e civile questa battaglia, contro la scelta dei partiti che, oggi, sembrerebbero avere più a cuore gli interessi della multinazionale tedesca, proprietaria di Italcementi, che non il legittimo diritto dei cittadini materani ad un ambiente tutelato e sano. La raccolta si svolgerà su più fronti. Avvieremo una campagna di crowdfunding online, a cui sarà possibile aderire versando un contributo spontaneo su un apposito conto. Saranno posizionati anche alcuni salvadanai nelle attività commerciali materane che aderiranno alla raccolta. Inoltre, saremo in piazza con alcuni banchetti per raccogliere cellulari in disuso (quelli abbandonati nei cassetti, veri e propri rifiuti speciali e dimenticati a casa!) destinati al riciclo, per sottolineare quella che è la strada principale nella gestione dei rifiuti secondo il Movimento 5 Stelle, ossia riduzione, riuso e riciclo. Per premiare i cittadini virtuosi che consegneranno i vecchi cellulari da riciclare, è stata prevista la corresponsione di 5 SCEC, una moneta complementare che equivale a 1 euro di sconto su ogni 10 euro di spesa da utilizzare nelle attività commerciali convenzionate. Su un’apposita pagina Facebook, “STOPINCENERITOREAMATERA” saranno comunicati in tempo reale e giorno per giorno, il contatore delle somme raccolte, il numero dei cellulari riconsegnati, orari e giorni dei banchetti, posizione dei salvadanai e indirizzo delle attività commerciali materane aderenti alla raccolta fondi ed agli sconti SCEC".