MO' BASTA: LA RISPOSTA DELL'ASSESSORE ACITO

Evidentemente esiste un problema di comunicazione all’ interno di Confesercenti”. Così l’assessore alle Attività Produttive del Comune di Matera, Enzo Acito esordisce commentando l’iniziativa di protesta promossa per il prossimo 30 dicembre. “Da una parte c’è il Direttore Lisurici che partecipa ad un incontro promosso dagli assessori Acito e Prete, il 20 dicembre 2016, con una nutrita rappresentanza di commercianti...

...per affrontare i problemi inerenti la raccolta dei rifiuti, e quindi la Tari, le sanzioni applicate a carico di chi non adotta correttamente la differenziata, il problema delle canne fumarie e della programmazione degli eventi nel 2017, dall’ altra il presidente Lisurici che lamenta la mancata convocazione per affrontare gli stessi problemi. Comunichiamo, quindi, direttamente al presidente Lisurici che già dal 22 dicembre è stata convocata, per domani 29 dicembre,  una conferenza di servizio, alla quale sono state invitate l’ Asm, la Confesercenti e la Confcommercio, per affrontare i temi della raccolta differenziata delle attività commerciali e la questione delle canne fumarie nel centro storico, rinviando l’ incontro per la programmazione degli eventi ai primi giorni del 2017, in concomitanza con la definizione del bilancio di previsione e dei relativi  importi da utilizzare  per le manifestazioni  da pianificare nel 2017. Facciamo salva la buona  fede del presidente Lisurici che ha partorito un comunicato stampa proprio il giorno precedente alla seduta del consiglio comunale che ha approvato le linee guida del bando sulla raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani. Invitiamo, pertanto – prosegue l’assessore - il presidente Lisurici ad intervenire personalmente alla conferenza di servizio di domani 29, con lo spirito, che lo ha sempre contraddistinto, di collaborazione finalizzata alla soluzione dei numerosi problemi che attanagliano il commercio, evidenziando, comunque, che la crisi che ha investito il settore, e non solo il commercio,  ha dimensione internazionale e che è, quindi,  indipendente dai presunti giochi di potere di cui al suo comunicato stampa. Si conferma, pertanto, la disponibilità al dialogo e al confronto, di quest’Amministrazione, con tutte le forze economiche e sociali che lo riterranno opportuno e necessario, indipendentemente dai problemi di natura politica e le attese che, fisiologicamente, investono i consiglieri comunali, ritenendo, comunque,  imprescindibile la separazione ed il rispetto dei ruoli e delle competenze  tra la  politica e le associazioni di categoria, senza invasioni di campo e senza facili e palesi strumentalizzazioni.